mercoledì 19 dicembre 2018

Il regalo di Natale per la Signora Maestra





Anche quest'anno Sciarada ha creato il "Calendario dell'Avvento del Focolare dell'Anima". Questo post costituisce la finestra n.19 ed è illustrato con i pannelli creati da mia figlia Giada insieme a Maurizio Polato e Chiara Vidali , che hanno costituito la scenografia dello spettacolo "Giovannino Perdigiorno", svoltosi a Cureggio in occasione dei mercatini di Natale.                                                                                                                                        

                                                                                                                                                                Quell'anno la scuola cominciò tardi: la maestra doveva assistere il marito che viveva i suoi ultimi giorni. Le lezioni ebbero inizio soltanto a metà novembre.
Noi due che avevamo frequentato i primi tre anni alla scuola della nostra piccola frazione eravamo preoccupati, ora che iniziava la classe quarta nel capoluogo. C'era stato detto, infatti, che la nuova maestra era molto severa.
Trovammo, in realtà, una persona dolce e buona d'animo, provata dal lutto che continuava a farla soffrire.



Vennero  finalmente le vacanze di  Natale, e tutti noi alunni arrivammo con un  regalo per la Signora Maestra. Un pollo già spennato, una maglia fatta a mano con gomitoli di lana riciclata, un paio di guanti sempre fatti a mano da una nonna premurosa. Chi aveva più possibilità si presentò addirittura con un panettone.
Un compagno di classe portò delle uova, destando in noi il sospetto, mai suffragato,  che le avesse prelevate nei giorni precedenti, con grande destrezza, dal pollaio della maestra stessa.
Lei ci ringraziò commossa: il giorno di Natale si sarebbe sentita un pochino meno sola.




I mesi trascorsero veloci, l'inverno divenne primavera e, a giugno, prima delle vacanze d'estate,   la Maestra  distribuì le pagelle. Ci rivelò che aveva promosso tutti, anche gli scolari che forse  la promozione non avevano meritato.
Ci accompagnò poi all' Osteria del "Fiura", dove con grande generosità pagò il gelato a tutti quanti noi.



Verrà il giorno, forse ancora lontano, quando raggiungerò lassù le Persone a me care che mi hanno preceduto.  Andrò allora a cercare  la mia Signora Maestra, e, semplicemente, le dirò un "grazie" per quel gelato così buono, come solo il "Fiura" sapeva preparare.



Passo ora il testimone a Chicchina  di "Acquadifuoco", per la finestra successiva del Calendario.

40 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Tanti bei ricordi.
Ti auguro delle serene feste.

Sari ha detto...

Il racconto mi riporta ad anni dimenticati, all'apparente semplicità dei doni (che a volte erano rinunce di una intera famiglia) e all'affetto che si sentiva verso chi ci stava preparando e istruendo "al mondo". Ho amato anch'io la mia maestra elementare e mi ritrovo nei tuoi sentimenti.
Giada è abile e mi ha stupita la delicatezza delle tavole ispirate al Natale.
Giovannino perdigiorno che perde tutto fuorchè l'allegria... di quanto dovremmo essere grati al sempreverde Rodari?
Buon Natale Costantino, auguri per te e i tuoi cari.

Glicine61 - Giovanna Faro ha detto...

Bellissimo il ricordo della Maestra.
Carissimi auguri di buon Natale e liete Feste!

Mondo d'Arte di Pia ha detto...

Ma che meraviglia questi pannelli!
Un racconto che rivela una grande tenerezza d'animo. Grazie Costantino.
Buon Attesa e buone feste di Natale. Ciao.

Sciarada ha detto...

Bellissima la storia e straordinari i pannelli.
Come cambiano le cose nel tempo, una volta le maestre erano il prolungamento delle attenzioni materne, oggi o vengono prese a pugni dai genitori dei bambini o sono loro a maltrattare i bambini; fortunatamente ancora sto parlando di casi estremi e non consuetudinari, ma si tratta di realtà che purtroppo esistono e non hanno un perché giustificabile.
Grazie Costantino del tuo contributo sempre attento.
Auguro a te, a Giada e alla vostra famiglia, un Natale allegro e gioioso,vi abbraccio!

Tomaso ha detto...

Caro Costantino, è molto interessante leggere un post come questo, qui il Natale diventa ancora più colorito!!!
Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Mirtillo14 ha detto...

Una storia molto tenera, bellissime le illustrazioni di tua figlia. Saluti e auguri.

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Sai sempre emozionare,Costantino con le tue storie che sono pagine di vita vera,raccontante come fossimo davvero attorno a un focolare,fra amici.Quest'anno le illustrazioni aggiungono un tocco di delicata bellezza alle tue parole.Auguro serenità e gioia a te e i tuoi cari,un saluto speciale alla bravissima Giada che stiamo imparando a conoscere sempre meglio.Ciao

Elettra ha detto...

Il racconto mi ha fatto ricordare con nostalgia la mia maestra e i miei compagni di scuola,che gran bel periodo è stato quello!!!! Bellissimi i pannelli. Buon Natale a te e alla tua famiglia!!!!!

sinforosa c ha detto...

Ma sai che mi hai commosso con questa meravigliosa storia! Bellissima, davvero e le illustrazioni creano la giusta atmosfera, complimenti alla figlia e a te che hai postato una briciola preziosa di bella umanità. Buona serata.
sinforosa

Patricia Moll ha detto...

Bel racconto e bellissimi ricordi!
Auguri!

Costantino ha detto...

Indelebili ricordi di scuola Grazie di cuore a tutti coloro che sono passati di qui.

CÉU ha detto...

Olá, Constantino!

Una storia molto interessante.

Buon Natale.

Abbraccio. Ciao!

Kasioles ha detto...

Tienes razón, hay recuerdos que no se olvidan y quedan marcados para siempre en nuestro corazón.
Agradezco tus palabras de condolencia ante la pérdida de esta querida amiga bloguera.
Te deseo una muy FELIZ NAVIDAD en compañía de la familia y amigos.
Cariños.
kasioles

Negus Reale ha detto...

Ricordi di un tempo che fu senza il pregio dell'allestimento artistico visto qui. Buone feste!

Sandra Figueroa ha detto...

Hay recuerdos que no olvidaremos...un gusto leerte.....saludos y gracias por tu visita. Felices Fiestas.-

carmen ha detto...

Ciao Costantino, che bel racconto...anch'io ricordo con affetto la maestra delle elementari, un caro saluto e buone feste!

Rakel ha detto...

Una storia bella ed emozionante. Complimenti a Giada, diventa sempre più brava.
Ricambio con affettuosità gli auguri di serene festività a tutta la tua famiglia
Buon pomeriggio
Rachele

Rakel ha detto...

Una storia bella ed emozionante. Complimenti a Giada, diventa sempre più brava.
Ricambio con affettuosità gli auguri di serene festività a tutta la tua famiglia
Buon pomeriggio
Rachele

Marina Fligueira ha detto...

¡Hola Constantino!


Me ha gustado mucho toda la solidaridad empleada, y tengo que felicitarte y a todo la familia, sobre todo a tu hija que me parce fantástica su formación.
Te dejo un abrazo fraterno y llenito con los mejores deseos para estas fiestas navideñas.
Que este 2016 te sea muy venturoso y se cumplan todos tus anhelos.
Que traiga salud, amor y paz al mundo entero, lo demás llega solo.

Gracias por acompañarme todo este tiempo pasado, y ojalá podamos seguir comunicándonos u poco más en adelanta.

Hasta otro momento si Dios quiere.

RobbyRoby ha detto...

ciao buone feste. bel racconto, emozionante. Complimenti a Giada.

Graziana ha detto...

Quanta grazia nel tuo racconto narrato con tanto garbo e rispetto. Che bello aver suscitato in un alunno tanta riconoscenza, al punto da essere annoverata tra le persone care da rincontrare in un giorno ancora lontana.
Come alunna non ho avuto la tua stessa fortuna purtroppo.
La grazia del tuo racconto ben si completa con i pannelli di Giada. Complimenti davvero ...
Ormai ci siamo: grazie e Buon Natale!

Stefyp. ha detto...

Ma che bella questa tua storia. Ricordi che nel tempo hanno mantenuto la dolcezza di quei momenti. Complimenti a Giada, per i suoi bellissimi pannelli. E' molto brava!
Approfitto per lasciarti i miei più sentiti auguri di Buone feste a te e famiglia.
Un caro saluto
Stefania

DULCINEA DEL ATLANTICO ha detto...

Hola Constantino, una bonita historia que refleja el buen recuerdo que dejó esa maestra en la niña.
Un saludo
Puri

Tiziano ha detto...

Ciao Costantino un veloce passaggio per lasciarti il mio regalo.Per questo Natale ti voglio regalare non futili cose
o luci sfavillanti ma un piccolo scrigno di pace,
pieno di gioia, avvolto con amore, firmato con un sorriso!
Buon Natale e felice anno nuovo

Tiziano

Graziana ha detto...

Passo per augurarti un felice giorno di Natale, Costantino, con l'atmosfera che tanto ci è cara.

Vedo che non ti è pervenuto il commento al tuo delicatissimo post perciò cerco di riformularlo.
Per una maestra la gratificazione più grande è quella di lasciare un buon ricordo nel cuore degli alunni. E questo accade non per quanto abbiamo insegnato ma per il rapporto allacciato La tua ci è riuscita sicuramente oltre ogni sua aspettativa, visto che l'annoveri tra le persone che vorresti rivedere in un futuro lontano.
Complimenti per i tenerissimi pannelli che ben armonizzano nella loro delicatezza col tuo racconto. Grazie e a presto!

Titti ha detto...

Che bellissimo ricordo, caldo e commovente, come sempre.
E che le bellissime immagini.
Tanti auguri di buone feste!

Carmine Volpe ha detto...

Un bel racconto che riempie il cuore come dovrebbero sempre essere le cose a Natale

Costantino ha detto...

Grazie per il Vostro graditissimo passaggio ed i preziosi comenti. Grazie anche per gli auguri, che ricambio di tutto cuore.

A Casa Madeira ha detto...

Ciao Costantino, passando per augurarti
un buon anno.
Grazie per la tua presenza quest'anno che si sta chiudendo.
Abraços
janicce

Pietro Brosio ha detto...

Bel racconto emozionante, armoniose immagini.

Sara ha detto...

Un gelato che è rimasto indenne negli anni! Buon anno Costantino!

Costantino ha detto...

Un altro anno è passato, fra poco i brindisi e l'allegria saluteranno il 2019.
Nel formularVi il mio augurio, colgo l'occasione per ringraziare chi è passato di qui in questo 2018, e per chi ha lasciato i suoi graditissimi commenti.

Buon anno !

Gianna Ferri ha detto...

Viva le "brave maestre" e gli autori di questo post emozionante.

alessandra ha detto...

Che bel racconto, Costantino! Grazie e sereno Anno Nuovo!

Sciarada ha detto...

Ho un pensiero per te sul mio blog. Ciao e buona giornata!

Rakel ha detto...

Ciao Costantino, ti lascio un saluto.
A presto Rachele

Elio ha detto...

Ottimo post Costantino. E' sempre piacevole ricordare i tempi in cui si andava ancora in una scuola di presenza e d'amore delle nostre vecchie maestre. Non dico che non ce ne siano ancora oggi ma la vita attuale è molto più difficile anche per loro rispetto a quei tempi. Vedo però che ti sei leggermente fermato sulla pubblicazione e verrò a trovarti tra qualche giorno. Un amichevole abbraccio.

Costantino ha detto...

Grazie di cuore a tutte/i Voi che siete passati di qui.
Per Elio, a breve ci sarà un nuovo post !

Bruna ha detto...

Costantino che piacere visitare il tuo blog. sei molto bravo e sensibile. Quante belle persone ho potuto conoscere nei bloger, sia pur in forma virtuale. ti mando un saluto amichevole e con ammirazione. ciaooooooo
PS. quando arriverà il mio memento, avrò anch'io motivi per cercare persone care che mi hanno donato tanto Amore. ciaooooo