venerdì 18 settembre 2015

Da Quarona a Ghemme, il percorso di Panacea.



Era, Panacea, una ragazza di Quarona dedita alla preghiera, alla conduzione del gregge, ed alle buone azioni. Quando la sua mamma morì, suo padre ebbe un'altra sposa. Ma la matrigna odiava Panacea. Le imponeva i lavori più umili, le fatiche più improbe, e la maltrattava.
Un giorno la sorprese in preghiera nella vetusta chiesa di San Giovanni al Monte e, in un impeto di follia, la uccise con un fuso. Poi si tolse lei stessa la vita, precipitando in un baratro.
Le campane rintoccarono da sole a distesa e, quando la gente accorse, avvennero fatti miracolosi.



Le spoglie di Panacea furono composte su di un carro trainato da due giovenche. Dopo un lungo tragitto il veicolo si fermò a Ghemme, dove era sepolta la sua mamma.


Nel 1867, Panacea de' Muzzi  (1368 - 1383) venne proclamata Beata.
Da secoli si svolge a Ghemme , ai primi di maggio, la Festa in suo onore. E grande è, sempre, la partecipazione di folla.


Mi aggregai anch'io, quell'anno, con la mia "biciclettina", a mio nonno ed ai miei zii. Ci unimmo a molti altri uomini del paese che si recavano in bici alla festa della "Beata". Avevo compiuto da poco otto anni, ma nessuno dubitava che ce l'avrei fatta. Non per nulla ero il nipote di un campione di ciclismo di prima della guerra!


Nella grande Chiesa la funzione  durò ore ed il lunghissimo  "Panegirico" fu ascoltato con grande attenzione. Anche se era sostanzialmente uguale a quello degli altri anni. Tutti amavano riascoltare la storia della Beata Panacea.
Lo zio Edilio, fratello di mia nonna Seta, si mosse a pietà e mi condusse fuori, in giro per il paese. Feci, così, la scoperta dei "baracconi", dello zucchero filato, dei negozi ambulanti di giocattoli, delle giostre e del tiro a segno. Sgranai gli occhi, di fronte all'imponente Castello.
Quando la cerimonia finì, varcammo un portone e ci sedemmo ad una lunga tavola imbandita, dove divorammo risotto, bollito e gorgonzola. Gustai anch'io il vino delle colline di Ghemme, straordinariamente buono.
Venne l'ora di ripartire : bisognava tornare in tempo per "governare la stalla" ed accudire le mucche. Giunti alla discesa del Piano Rosa, chi si sentiva malfermo sui pedali, per aver bevuto qualche bicchiere di troppo, scese di bicicletta ed affrontò a piedi le curve  sinuose dell'ultimo tragitto.

Correva, veloce, l'anno millenovecentocinquantanove.      

44 commenti:

Ambra ha detto...

Un ricordo dolcissimo. E' strana la nostra mente, tiene in sé perennemente la memoria di piccoli momenti, di attimi, vissuti tuttavia con molta intensità, soprattutto perché si tratta di un bambino che dopo la fatica dell'ascolto nella chiesa si ritrova in un mondo magico e la sua felicità di allora traspare dalle parole di adesso.

Arianna ha detto...

Un altro pezzo di storia popolare! Ciao, Arianna

S. Oró ha detto...

Un precioso recordatorio. Un abrazo.

carmen ha detto...

Ciao Costantino, non avevo mai sentito di questa beata…come sempre i tuoi racconti, oltre che affascinanti e piacevolissimi, sono istruttivi e stimolano ad approfondire le conoscenze.. buon fine settimana!
Carmen

Sara ha detto...

Che belli i tuoi ricordi!quando scrivi e'come se tutto scorresse li'innanzi ai nostri occhi.

Patzy ha detto...

Queste storie di culto, sono sempre piene di emotività, e in questo caso tu aggiungi i tuoi propri ricordi, anche pieni di calore. Grazie per la condivisione. Abbraccio Costantino.

Enrico zio ha detto...

Hanno sempre un certo fascino queste leggende che tramandano storie incredibili che probabilmente si arricchiscono di particolari col trascorrere del tempo.
Felice fine settimana
enrico

Tiziano ha detto...

Ciao Costantino,
i tuoi preziosi ricordi sono cosi coinvolgenti, che ti danno la sensazione di essere presente in quei luoghi
buon fine settimana.

Antonella S. ha detto...

La Beata Panacea...quante volte la mia nonna mi ha raccontato questa storia, e quanta emozione mi suscitava sempre. In anni più recenti, quando mio fratello abitava a Ghemme ho partecipato alla festa in suo onore...ricordo che quando lui ha preso casa lì insieme alla casa gli hanno consegnato i drappi rossi da esporre alle finestre durante i giorni della rievocazione. Bellissimo il tuo ricordo, sono ricordi che creano emozioni. E poi...il vino Ghemme fa il resto!
Buon fine settimana e grazie per aver riportato alla mia memoria questa antica storia.
Antonella

Franziska ha detto...

Las madrastras que mala fama tienen. Por algo será que incluso en los cuentos infantiles aparecen retratadas de eso modo. Veo que son recuerdos infantiles que se han quedado muy dentro pero a mi me da mucha pena el maltrato que tuvo que sufrir para alcanzar la santidad. Supongo que a la madrastra sería encarcelada por su crimen.

Saludos cordiales. Franziska

Maria Luisa Adães ha detto...

Desconheço a Beata e lamento,

Mas gostei de o encontrar!

Maria luísa

Ambra ha detto...

Intanto ti metto nella lista, in attesa comunque di conferma da parte tua.

Mirta Luce nel cuore ha detto...

____________8__88_____8
____________88_8__8_____8
___________888_____88___88888
__________8888______88_8____88
_________8888_______88______8_8
_________8888_______88______8_8
_________8888_______8_______8
_________8888_____8_______8
__________88888____8______8
___________8888888______8
__888_________88888_8
8888888________88_____
_8888888_______8_____
__888888_______88_____
___88_____8_____8_____
____8______8____8_____8_88
_______8888_8__88_8_88888
_____888888_8_88__8888888
____8888888__88______88888
____88888_____8_________888
____88_________8__________8
_____8_________8_____
_______________8_____
____________8_8_____
_____________88_8_____
______________88_____
______________8_____ೋღ♥ღೋLuce nel cuore
ೋღ♥ღೋ
ೋღ♥ Carissim@ finalmente ho un po’ di tempo per passare a salutarti.Buon inizio di settimana! Un abbraccio forte per te! ೋღ♥
ೋღ♥ღೋ
ೋღ♥Querid@ amig@ finalmentetengo un poco de tiempo para venir a saludarte¡Feliz inicio de semana! ¡Un gran abrazopara ti! ೋღ♥

Stefyp. ha detto...

Però che bel racconto e che bel ricordo... è così coinvolgente che mi è sembrato di esserci...forse sono fra i pochi...ma non conoscevo la storia della Beata Panacea. Mi ha fatto piacere leggerla...Un saluto a te Stefania

SARA ha detto...

Bellissimo il tuo ricordo nel tempo non svaniscono mai,è vero i tuoi racconti
coinvolgono e sembra di viverli...un caro saluto nonna di Sara gianna

mari da solcare ha detto...

Una storia di altri tempi, ma non per questo meno avvincente e interessante. Grazie.

il monticiano ha detto...

Praticamente finì a tarallucci e vino.
Un salutone,
aldo.

Luisa Napolitano ha detto...

che bel post!LoStraordinarioMondoDiUnaStudentessaSottoEsameDiLuisaNapolitano

Lina-solopoesie ha detto...

Costantino .
Questa storia non la conoscevo . Ma è stata davvero una bella emozione leggerla .
Buona giornata... e al prossimo racconto .
Lina

Mª Carmen ha detto...

Una triste historia y emotiva. Abrazosss.

Sciarada ha detto...

Ecco, in un solo post hai concentrato la bellezza delle leggende e delle tradizioni che nella partecipazione diventano vita e poi ricordi, è splendido.
Buon fine settimana a te Costantino e anche a Giada !

Nyce Pinto. ha detto...

Linda história! Parabéns pela postagem! Desejo um abençoada Primavera! Feliz domingo!!!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

I tuoi ricordi sono un vero piacere da leggere.
Buon inizio di settimana.

Francesca ha detto...

Una storia commovente...bravo sempre Costantino.
Un abbraccio e bacio!

Bruna ha detto...

Costantino che bello leggere i tuoi ricordi! Però, che mamma crudele!
Il sermone così lungo e che si ripeteva ogni anno, era un " panegirico" , per case quel termine deriva da Panacea??
Ti mando un amichevole abbraccio e ti ringrazio delle visite nel mio modesto salotto Bruna. ciaoooo

Costantino ha detto...

Grazie a tutte/i voi, buona settimana!

Il termine panegirico deriva dal greco antico ed è un elogio molo lungo e talvolta persino prolisso di un personaggio. ( grazie Bruna!)

Gianna Ferri ha detto...

Storia triste, arguto lo zio a portarti fuori dalla chiesa e così ti sei divertito un po'.

Bel post, mi è piaciuto molto.

Rosaria ha detto...

Non conoscevo Santa Panacea.
Letta tutta d'un fiato.
Anche perché...ci prendi per mano e ci accompagni delicatamente nei tuoi ricordi, regalandoci e facendoci scoprire luoghi e storie, le quali son poesie per i nostri cuori.
Grazie per la condivisione.

Pietro and Cynthia ha detto...

Una splendida storia di culto, colma di preziosi ricordi. Molto belle le immagini.
Buon weekend!

A Casa Madeira ha detto...

Mais belas imagens;
Adorei conhecer a história...
janicce.

Titti ha detto...

E' bellissimo il tuo ricordo, e la storia di Panacea è commovente. E il tuo modo di raccontare mi commuove molto...

Gabry B ha detto...

E'sempre molto istruttivo passare da te, mi piace molto come scrivi e leggo con interesse i tuoi racconti pieni di emozioni e ricordi.
Un saluto da Gabry

Elio ha detto...

Ottimo post mescolando sacro e profano. All'inizio credevo fosse una nuova storia di Biancaneve o di Cenerentola, ma poi sono stato coinvolto nel proseguire la lettura di questa storia commovente con miracolo finale. Un caro saluto.
PS - Com'é il vino da quelle parti ?

Kasioles ha detto...

Triste y a la vez muy bella la historia de Panacea que, con todo detalle, nos cuentas, he tenido que poner el traductor para entenderla mejor.
Acabo de regresar de mis largas vacaciones y mi intención era la de venir a visitarte para agradecer tus cariñosos comentarios que has dejado en mi blog durante mi ausencia.
Estaba deseando volver a estar entre todos vosotros.
Cariños y buena semana.
Kasioles

Carmine Volpe ha detto...

gran bel racconto bellissimo ricordo, magari anche oggi chi beve un bicchiere in più scendere per andare a piedi

Costantino ha detto...

Grazie a tutte/i per le visite ed i commenti.
(P.S. per Elio, è zona di grandi vini!)

Nella Crosiglia ha detto...

Ma che bel racconto..sai che io non conoscevo proprio nulla di questa Beata.
Narrata poi con stile e scorrevolezza, sembra quasi di essere stati presenti anche noi al tutto..
Grazie amico mio, un abbraccio forte!

Censorina ha detto...

Non sono molto lontana da Ghemme, ma non mi sono mai recata a questa bella ricorrenza. Una cosa cui non hai accennato e che mi sembra di ricordare: che il corpo della Beata è stato per lungo tempo conteso dagli abitanti di Quarona che ne rivendicavano il possesso. Può anche darsi che i miei ricordi di bambina non siano chiari. A quel tempo, quando la gente aveva molta più fede e celebrava col cuore le feste religiose, i racconti fiorivano.. Grazie per aver ricordato questa bella figura di Santa.
Paola

Marina Fligueira ha detto...

¡Hola Constantino!!!

Nos dejas un precioso post abrazo a una bella historia: un tanto triste pero real, y muy bien plasmada con imágenes que hablan por si solas.
Ha sido un inmenso placer pasar a leerte.

Te dejo mi gratitud y mi estima siempre.
Un abrazo y feliz fin de semana.

l'alternativa ha detto...

Che bello Costantino!!! Sembra un romanzo.........la storia della Santa è molto triste, ma il tuo pellegrinaggio è bellissimo!!!! Che piacere leggerti. Un grande abbraccio
Emi

Krilù ha detto...

Non sapevo nulla della storia (o leggenda) di questa Beata nè della sua esistenza, ma è sempre interessante ed istruttivo quello che si apprende girovagando fra i nostri blog.

nonno enio ha detto...

un bello spaccato di vita vissuta che io adoro leggere

Costantino ha detto...

Grazie a tutte/i Voi, buona settimana !|

Elio ha detto...

Grazie per la tua visita ed a presto.