mercoledì 15 febbraio 2017

L'ultimo canestro






Ce l'aveva preannunciato: era l'ultimo anno. Dopo più di due decenni che giocava a basket, concedeva a se stesso, e ai suoi due tifosi al seguito, io e Lele, un'ultima stagione agonistica, sia pure nella categoria più bassa.
Fu, comunque, un campionato ricco di vittorie, tanto che la squadra raggiunse la finale per il primo posto. Un campionato giocato da parte sua con grande impegno e metodo, sia in allenamento che in gara, un esempio per i più giovani.
L'altra finalista era però più forte, non ci fu storia. Al termine, come sempre, tutti e tre in pizzeria. Era una serata piovigginosa, ma la pioggia era così fine che, quando ce ne andammo, dimenticai l'ombrello. 
"Non c'è problema, lo recupererò l'anno prossimo!", dissi senza convinzione, perché sapevo bene che non saremmo più tornati. Quella era l'ultima partita.
Sulla via del ritorno da Borgosesia, in vetta al passo della Cremosina, a mezzanotte passata, ci attraversò la strada una volpe con i suoi volpacchiotti. Si fermarono un istante ad osservarci con il loro sguardo irridente. Un segno, forse, per farci comprendere che il tempo di quel cantuccio di spensieratezza era inderogabilmente scaduto.

11 commenti:

Luigi ha detto...

struggente commiato, caro Costantino!!!
Grazie

Stefania.Sweets ha detto...

Caro Costantino,
con poche parole sei riuscito a rendere un pensiero lineare, conciso e commovente ... la vita è un cammino spesso difficile e, non sempre, nonostante le nostre capacità, nonostante l'impegno, riusciamo a far fronte a situazioni difficili e ad accettare scelte che, haimè ... non dipendono da noi ... purtroppo! a presto. Stefania

Annamaria ha detto...

Quanta delicatissima poesia in questo tuo ricordo!
Grazie, Costantino!!!

Tomaso ha detto...

Caro Costantino, rieccomi dopo la brutta esperienza di malattia, ora sembra che piano piano mi sia rimesso.
Parlando del tuo racconto, è un addio che strappa il cuore.
Ciao e buona serata caro amico con un forte abbraccio.
Tomaso

Mª Carmen ha detto...

Muy emotivo.Saludos amigo.

Arianna ha detto...

Un velo di tristezza accompagna sempre l'addio a qualcosa...ciao, Arianna

Krilù ha detto...

Un emozionante ricordo, raccontato con la tua abituale delicatezza.

Mari da solcare ha detto...

Grazie della condivisione di questo struggente frammento di vita. Saluti cordiali.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Resta sempre un piacere leggere i tuoi ricordi.
Saluti a presto.

Bruna ha detto...

Ciaooo Costantino, sono venuta per augurarti un buon fine settimana; ho letto questi ricordi nei quali si sente una certa malinconia. Avanti sempre!! La vita ci riserva un po' di tutto.
Ti mando un amichevole abbraccio. Bruna.

Sara ha detto...

Anche i campioni devono cedere il passo. Però ci sono altre cose belle a cui dedicarsi.