sabato 30 luglio 2011

Tra il bosco e l'autostrada: la fontanella di San Martino


Altri tempi, si viveva in maniera più semplice, tante comodità, in campagna, non esistevano.

D'estate, quando l'afa diventava opprimente, ma si era costretti lo stesso a lavorare la terra anche col sole a picco, se si aveva sete c'era soltanto l'acqua del pozzo.

Un refrigerio era la fontana di San Martino, una fontanella in mezzo al bosco da cui sgorgava acqua fresca, leggerissima, dissetante.
Noi ragazzini ci arrivavamo in bicicletta e, dopo avere placato la nostra arsura, riempivamo qualche bottiglia per gli adulti che stavano lavorando.


Tanti anni dopo, la fontana di San Martino c'è ancora, la sua battaglia per sopravvivere l'ha vinta.
Lo scenario è, però, profondamente mutato.
Non c'è più il sito rustico, selvatico, poetico, vagamente melanconico di allora; attorno non più il bosco fiorito di crochi, anemoni e bucaneve, ma nelle vicinanze case, industrie, l'autostrada.

E una scalinata, bella e tenuta bene in ordine, che conduce alla piccola sorgente.

Una parte di poesia il progresso l'ha fagocitata ma, ancora, parecchia gente va fin lì per cercare, e forse ritrovare, tra realtà e immaginazione, il sito ameno di una volta.

92 commenti:

Vinicius.C ha detto...

Ciao!

Vieni a vedere cosa c'è di nuovo - sapere dove sono i tuoi amici e si sentono come a seguire qui-rs

Un grande abbraccio il mio amico e un grande Sabato!

Io vi auguro di Anima!

Arianna ha detto...

Un angolino non del tutto perduto, come tanti...speriamo resista al tempo e all'uomo! Buona domenica, Arianna

ladynight ha detto...

che bel posto...
mentre ne parli trapela un pò di dolce malinconia, quella sana e cosciente...la realtà è questa, le cose cambiano, non sempre in meglio, forse è questione di prospettiva, forse è così e basta, accettazione...perchè non può essere diverso.
Poi si torna, lì dove eravamo bimbi e ragazzi, dove la vita aveva un aspetto più semplice...dove contavano solo le cose importanti, dove respirare era "pulito"...

un saluto

erborista1 ha detto...

Ciao Costantino,quando vado in giro e riesco a trovare ancora qualche fontanella di acqua sorgiva,sono felice.Purtoppo ce ne sono sempre di meno.Buona giornata

I am ha detto...

Le cose cambiano e anche rapidamente. Ma il sapore di quello che è stato, i profumi che ci portiamo dentro, il gusto di dissetarsi con quell'acqua magica nessuno lo può togliere.

Buon fine settimana Costantino

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

il riportare ad antiche memorie è sempre piacevole, anche se spesso la malinconia ci assale.
Ma noi siamo anche questo...nella malinconia a volte si trova il vivere di oggi.
Buona domenica Costantino ciaooo

Cinzia ha detto...

la malinconia torna ogni volta che visti un luogo e che ti pare diverso da come lo ricordi, ma accade spesso che a cambiare siamo noi -in realtà- e cambia anche quel che vedono i nostri occhi e sente il nostro cuore.. malinconia di quel che eravamo
buona settimana!

dandelion67 ha detto...

...incantevoli scatti/scorci di passato che muta nel presente...preservando grazie ad alcuni parte della sua origine/limpidezza...un bel divenire nel tempo che scorre...mentre nel ripercorrere i luoghi d'infanzia, rivivono i ricordi di semplici gesti che ora son quasi perduti...
grazie Costantino..una passeggiata tra i Tuoi ricordi, alla quale ci hai resi partecipi...
un raggio di Sole per un radioso week end in gioia ed emozione..
dandelìon

Gianna ha detto...

Come cambiano i paesaggi...

Che bello trovare una fontanella, quando c'è calura.

Lina-solopoesie ha detto...

Costantino .Belli qusti paesaggi . Ai proprio ragione , direi che la vita è cambiata in peggio.Altri tempi, si viveva in maniera più semplice, tante comodità, in campagna, non esistevano.Ma erano tutti felici.Ho letto tempo fa che di una famiglia qui in italia che ha lasciato tutto per andare a vivere in montagna,e vivono in assoluta tranquillità, come si viveva una volta, fanno da sè il pane, mangiano solo cose genuine che producono loro,lavorano il feltro.Li ammiro molto, e mi piacerebbe tanto vivere così, ma mi rendo conto che è molto dura e difficile da attuare, oggi che siamo abituati a tante comodità ....

BUONA DOMENICA COSTANTINO ,A TE E FAMIGLIA .LINA

Valentina ha detto...

Le cose cambiano, le abitudini, e anche le città, ma è bello saper e poter ritrovare qualcosa di autentico e genuino. E questa fontanella è rimasta, con un ambiente diverso intorno ma lei è lì, ed è bello che un qualcosa o un ambiente sappia evocare ricordi. ciao a presto e buona domenica

clau ha detto...

E' incredibile la rapidità con cui la nostra società sia cambiata nel corso degli ultimi anni , come certe abitudini di una volta oggi siano state spazzate via o trasformate in folklore .La seplicità del passato lascia il posto alla frenesia , alla folle corsa del presente.Il luogo però ai miei occhi resta magico.

Felinità ha detto...

Ma anche un ricordo come il tuo può far vivere ancora la poesia di quella fontanella .....
Un caro saluto miaoooooo

Sciarada ha detto...

Ciao Costantino, io mi auguro che la fontanella di S. Martino rimanga li per secoli e secoli testimone del tempo in cui gli uomini e i loro sentimenti erano veri, genuini improntati alla condivisione del poco che c'era ed anche la fatica e la scomodità fisica generavano energia che faceva ricominciare il giorno dopo a lavorare perché si era consapevoli di fare qualcosa di necessario che aveva un profondo valore umano che oggi in questo mondo civile estremamente organizzato è solo un contorno, quando c'è!
Buona domenica!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Anche dove abito,ci sono fontane d'acqua sorgiva.Salutoni a presto

Dado ha detto...

Uno spera sempre che certi piccoli paradisi rimangano immutati per sempre e la smania dell'uomo non aiuta sicuramente. E' davvero un peccato.

sogno93 ha detto...

che posto meraviglioso.... mi piacerebbe tanto visitarlo insieme al mio amoruccio...buona domenica!!!

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

Contastino che ricordi belli... il progresso porta benefici ma anche sventagli...
Ti mando: un lago di abbracci, un fiume di auguri di felice domenica, e una cascata di saluti....

zicin ha detto...

Che belle foto e quanta nostalgia!!!
anche da me in collina c'era una fontanella che dava refrigerio a chi lavorava nei campi... ma è andata in rovina totale e non è più potabile.
Felice settimana

Chiara ha detto...

Spero sempre che angoli di campagna come questo rimangano tali e quali per sempre. Sarebbe un peccato se cambiassero...

Tizyana - Azzurraa ha detto...

Ciao, ha sempre un certo fascino, le tue parole piene di nostalgia ne hanno disegnato un quadro chiaro e indelebile, la vedo con quei bucaneve, crochi e anemoni, affascinante, fresca e colorata di primavera. Grazie.

Tizyana - Azzurraa ha detto...

Il commento appena postato deve essersi registrato come anonimo, tuttavia è mio, parla di primavera, anemoni, bucaneve e crochi.

Lilybets ha detto...

..le estati da bambina le ho trascorse in una piccola casa di campagna,nel cuore mi sono rimasti i suoni della natura e la semplicità del vivere...l'uomo stravolge e cancella, l'unico modo per non perdere quei sapori del passato è nel ricordo.
Grazie del commento al mio blog,ciao.

il monticiano ha detto...

Sono luoghi e cose che non si possono dimenticare anche se sono modificati nel tempo.
Buona settimana anche a te,
aldo.

Elio ha detto...

Costantino, come promesso, eccomi qui. Ti scrivo qui sull'ultimo post perché penso sia più pratico per te sapere che ti seguirò anche in futuro.
Non so per quanto tempo ancora potremo trovare delle sorgenti come quella di cui hai fatto la fotografia e tu stesso, se ho capito bene, rimpiangi com'era una volta. Il declino dell'umanità, penso sia molto ben espresso dal quadro dell'uomo aggrappato alla roccia. Sembra quasi voglia salvarsi da un qualchecosa di indefinito.
Inoltre amo molto i gatti e quindi il quadro di Picassina mi è piaciuto molto. Qualora tu venissi a saperlo, non dirmi mai che fine hanno fatto i gatti di cui parli in uno dei tuoi post.
Buona serata.

Gabriella ha detto...

Ciao Costantino,

ho letto questo tuo scritto sulla Fontana di San Martino con molto piacere e un pò di maliconia per come può mutare il paesaggio ma il tuo ricordo ci ha fatto conoscere la fontana com'era e con le emozioni di quel tempo.
Grazie Gabriella

Adriano Maini ha detto...

Che bel racconto, riccamente illustrato! E ce ne fossero di più di fontanelle così! Mi ricordo ... ma non voglio invadere il campo ... :)))

♥♥♥ Maddy ♥♥♥ ha detto...

Ciao carissimo,
hai davvero ragione...com'è triste, che la poesia debba soccombere a ben altro...
...ma quella tenera fontanella esiste ancora, come non esserne lieti?

Un abbraccio!

Maddy

Sara ha detto...

Alle volte quando si va a cercare i luoghi della nostra infanzia si trovano troppi cambiamenti e si resta delusi. Ma perché non accade mai che torniamo in un luogo del passato e ci troviamo una cornice naturale più qualificata, preservata?!
Mi hai fatto venire in mente un lavatoio a Vinca, dov'ero andata da piccola in vacanza. Ci sono ritornata anni dopo ed è stato pazzesco, ho visto quel monumento snaturato!

Rita Baccaro ha detto...

Ciao Costantino,
ci sono luoghi e cose che fanno parte della nostra storia, dei nostri ricordi e rivederle persino in contesti mutati ci riporta sempre a rivivere le stesse emozioni di un tempo.
La fontanella che ci hai fatto conoscere fa parte non solo della tua storia per cui spero possa rimanere sempre lì a lungo tra i boschi e nell'incanto della poesia che essa suscita.
A presto

Valeria ha detto...

un posto da sogno...è bello che continui a vivere...e deve essere bello ritornarci

tiziana ha detto...

Un ricordo infantile mi riporta alle fontanelle dei corsi d'acqua. Ricordo che c'era un paletto piantato nel terreno con un bicchiere di latta appoggiato sopra. Mia nonna mi portava a bere alla sorgente tutta orgogliosa. Wow Costantino, questi ricordi mi rammentano che rientro nella categoria dei non più giovanissimi. Un saluto

✿ Elena ✿ ha detto...

è un miracolo che l'abbiano salvata! solitamente per il progresso si butta via tutto! e questo è un vero peccato!
Baci baci

Ninfa ha detto...

Come sono vivi dentro di noi i ricordi dell'infanzia! Leggendo il tuo racconto ho ripensato anch'io ad un posto dove andavo a giocare con mia cugina, vicino ad un rigagnolo d'acqua, mezzo inquinato. A me appariva però come un luogo selvaggio, misterioso, quasi una giungla...Ti ringrazio, Costantino per avermi trasmesso le tue emozioni e risvegliato le mie. Ciao!

Alessandra ha detto...

Meno male che la fontanella si è salvata! Le cose ed i luoghi cambiano, così è da sempre, anche se noi vorremmo vederli immutati nel tempo! Ciao Costantino, a presto!

AntoC ha detto...

Ciao Costantino, il tuo ricordo è molto vero e velato da una tristezza per coloro che ricordano questi luoghi che appartenevano solo alla natura e a nessun'altro e che ora sono dell'uomo. Questa fontanella almeno è sopravvissuta mentre altri luoghi sono stati letteralmente spazzati via. Io vivo in campagna dove di queste fontanelle ce ne sono ancora e lavoro in un Azienda che si occupa della gestione e costruzione di Autostrade...non vedo l'ora di tornare a casa!
A presto, Anto.

Mª Carmen ha detto...

Una imagen muy bonita y que debe traer recuerdos del pasado que dan rienda suelta a la nostalgia y a la imaginación.Un abrazo.

chaillrun ha detto...

resistono ancora luoghi così, come dici te, al progresso che se li divora, dando un quel pizzico di magia e nostalgia seppur non li abbia vissuti, ma li trovo nelle esperienze narrate da persone più grandi :)

Farfallalegger@ ha detto...

Purtroppo tutto cambia tnto velocemente che alcune volte è impossibile starci dietro...però i nostri ricordi rimangono dentro di noi e nessuno ce li può togliere. Un abbraccio caro

Liza ha detto...

E' un vero peccato che tutto è destinato a cambiare ...il progresso porta sicuramente a tanti benefici ma ci togli dei posticini magici...i ricordi però restano ! Baci,Liza.

Aclim ha detto...

No Brasil é muito pior matam o velho para criar o novo. Eu vi muita preservação na itália.

abraço

Vinicius.C ha detto...

Ciao amico mio!

So che è necessario avvalersi del traduttore, ma come faccio io qui nel vostro blog, sentendosi più di comprensione, prendiamo cura e fare regali.

Un abbraccio e un grande pomeriggio!

Sto aspettando per voi presso l'Anima!

giacy.nta ha detto...

"la sua battaglia per sopravvivere l'ha vinta"...
Ho visto questa tua osservazione come il cuore del tuo bel racconto.
Un caro saluto

Michele ha detto...

spesso i cambiamenti non sono come li vorremmo, anzi un vero scempio!
ciao Michele

bilibina ha detto...

Ciao Costantino! E' sempre piacevole leggere i tuoi post ed ammirarne le foto, questo poi è così poetico..Un abbraccio e buon pomeriggio!
Carmen

Lady Boheme ha detto...

Complimenti per il racconto e per le bellissime immagini!!! Un abbraccio

Paolo Cabras ha detto...

Ciao Costantino,
è bello vedere che ancora esistono posti cosi veri e dal sapore antico. Speriamo che vengano mantenuti in questo stato nel tempo, sarebbe un vero peccato perderli.

ciao
Paolo

Erika ha detto...

Belle foto e dolci ricordi. Serena estate.
erika

Katya ha detto...

Ci sono luoghi e ricordi che rimangono nel cuore sempre cambia lo scenario, ma non la poesia che evoca... Buona serata Costantino

Baol ha detto...

Il fatto che, in qualche modo, quella bella fontana abbia resistito mi conforta :)

ciao!

Claudio Cerri ha detto...

Anche dalle mie parti (oltrepo pavese) ci sono ancora tante cose belle da vedere che hanno resistito nel tempo, poi io sono circondato dalla campagna quindi mi sento fortunato!!

Sara... ha detto...

Dove vivevo da piccola c'era una fontanella.. l'acqua era buonissima e da tutto il paese venivano a prenderla! Poi l'urbanizzazione non ha tenuto conto di quella fontanella e i pozzi neri l'hanno inquinata..
Menomale che quella resiste!! mi rincuora non poco!
Un abbraccio!
:-)

Grazia ha detto...

Sono contenta che la "tua" fontanella, almeno in parte sia rimasta.Di quella che mi ricordo e dove andavamo a bere e a giocare quando ero piccola, non resta più nulla.Peccato !

Paola ha detto...

Il progresso molto spesso tramuta le cose e luoghi... fortunatamente questo sito resiste e auguriamoci che rimanga tale... non solo nei ricordi...
Ciao Costantino compliemnti per il post le foto sono carinissime... :-)))
Un abbraccio per augurarti un felice fine settimana!!!

Sandra M. ha detto...

Nulla rimane uguale ma qualcosa per fortuna evolve non negativamente. Io sono cresciuta in città ma ho ricordi simili: andavo spesso da parenti in campagna, in riva al fiume Panaro...c'erano belle pozze d'acqua dove in estate facevamo il bagno!Ora tutto è scomparso.O meglio, il fiume è sempre lì, ma.... il bagno è meglio evitarlo.

Pupottina ha detto...

ciao Costantino
questa fontanella e i luoghi che hai immortalato nelle foto sembrano davvero d'altri tempi quando mancavano molte cose ma era come averne di più...
stupende le foto e luoghi incantevoli!!!

Carolina ha detto...

Hola Costantino, sono bei ricordi che portano nostalgia.
Saluti.

Roscio ha detto...

Ciò che è incredibile è che posti come questi debbano lottare per sopravvivere. Come se la bellezza non fosse di tutti!Ma no, meglio costruire dei bei palazzoni e una lunga lingua d'asfalto!!!!

Occhio.Cavo ha detto...

é una fortuna che ci sia ancora.per quanto il contorno possa essere cambiato

Valentina ha detto...

Profondo nella scelta delle parole, profondo nella scelta delle foto....

Paola ha detto...

Il tuo raccontare di cose e luoghi del passato mi affascina sempre. Questa fontanella racchiude in sè tanta storia, tante figure che a lei giungevano assetate,affaticate... pare di vederle mentre ne parli. Grazie di questa poesia che affiora dai tuoi scritti e un caro saluto

Costantino ha detto...

La Fontana me la porto con me nel fardello dei ricordi della mia fanciullezza.Si è adattata ai tempi,ha resistito stoicamente,mantenendo la sua dignità e la sua favola.
I vostri commenti sono tantissimi,vi ringrazio di cuore,e vi auguro una,seppur piovosa,buona estate!

Francesca ha detto...

Ciao Costantino grazie per questa bella storia della fontana..., ti auguro buone ferie!!!

Lufantasygioie ha detto...

purtroppo tutto cambia...
l'importante è che quella fontana sia ancora li e che dia sempre acqua fresca e pulita
Buona giornata

riri ha detto...

Ciao.
Questi luoghi restano impressi per come erano e come eravamo..la sorgente del paese di mio marito era un posto bellissimo, adesso la riconosco a stento ed è altamente inquinata...l'uomo è bravo a distruggere, ma a creare? Un caro saluto

Maraptica ha detto...

Scorci di natura che si oppongono alla nostra distruzione. Stupendo.

Rosa ha detto...

Ciao Costantino, si rimane legati a questi ricordi giovanili, carinissima la fontanella, molto suggestiva e romantica, tante volte si sente il bisogno di rivisitare vecchi posti e se li ritroviamo integri ancora come erano ci emozionano , ci fanno bene al cuore, ciao grazie a presto rosa.)

DIANA. BRUNA ha detto...

Ciao Costantino,
che belle queste tue foto e che emozione ciò che ci racconti di----altri tempi.
Mi hai fatto ritornare alla memoria quando le donne del mio paese andavano a lavare al "canale", un piccolo torrente che ancora c'è e dove io spesso vado per passeggiare nella stradicciola che lo costeggia.....
Quello è il luogo che chiamo "il mio pensatoio" perchè quando sono là i pensieri volano!!
Ciao carissimo buona estate
Un abbraccio
Bruna

Stefania ha detto...

Caro Costantino,
non ci sentiamo da un pò, ma se hai per caso letto il mio penultimo post, avrai la spiegazione in tutto ...
una volta, dal passato, si guardava verso il futuro, il progresso, e tutto ciò in cui la fantasia lungimirante ti poteva portare ... oggi, nel futuro, guardiamo con gli occhi al passato, andando alla ricerca dei ricordi, di quei luoghi e di quesi posti in cui hanno vissuto i nostri antenati! ... come una fotanella, dove sgorga l'acqua fresca, o più semplicemente di un posto incantato come quello delle tue splendide foto! Ciao e BUON FERRAGOSTO!!! A PRESTO ^_^

Costantino ha detto...

Grazie a Tutti!Buon ferragosto!
(Bruna,da noi le donne lavavano i panni al ruscello,ognuna aveva la sua "preia"dove appoggiare i panni.Altri tempi,bei tempi!).

ivana e roberto ha detto...

Grazie Costantino perchè ci ricordi i posti e i luoghi della nostra gioventù,per noi scontati,ma che sono un patrimonio dei nostri paesi.

Savia ha detto...

Un saludo.

Luigi ha detto...

grazie amico mio: buona festa dell'Assunta anche a te!!!

Carmine Volpe ha detto...

il tempo del "progresso" cancella quando di più bello certi luoghi hanno e già un successo che ancora ci sia, segno del buon ricordo... è un segno postivio

Graal77 ha detto...

Ciao e buon ferragosto...
Che bel posto...e' vero era molto suggestivo,peccato che gli altri non abbiano colto il fascino di questo posto...trasformandolo in cemento e industrie...Sai pure dove vivevo io da piccola...nei Monti Lattari,c'era un prato enorme...noi lo chiamevamo il prato verde e per arrivarci bisogna attraversare un ruscello...e su in alto c'era una cascata di acqua gelida....era bellissima...non so'perche' e' scomparso tutto...la cascata praticamente e' arida e sotto il ruscello e' diventato un deposito per la spazzatura....
Una vergogna!!!!!
Buona vita!!!!!

Nicolanondoc ha detto...

Buon ferragosto.

Costantino ha detto...

Grazie a tutti/e,buon ferragosto,con l'augurio di passarlo a contatto con la natura,poichè ogni località,anche vicina a noi, ha siti meravigliosi,anche se a volte
non ce ne accorgiamo .
"Coelum,non animum mutant qui trans mare currunt"!

Malù ha detto...

Aloha,carissimo!!

Grazie per aver partecipato al mio concorso!!

Mi raccomando torna a trovarmi il 1° ottobre per scoprire la soluzione e se hai vinto!!

Felice e sereno Ferragosto!!

Un caro saluto abbraccioso... Malù

Soffio ha detto...

Una buona lotta per la sopravvivenza, ma con un velo di tristezza....si vive a condizione...

Erika ha detto...

Buon Ferragosto!

nonno enio ha detto...

l'acqua fonte di vita e qualunque sia la sua forma o sorgente è sempre a noi necessaria. bere un bel bicchiere d'acqua fresca ti dà soddisfazione più che bere un bicchiere di vino, ti disseta e ti permette di vivere..

Malù ha detto...

Aloha Costantino!!

Sono sempre io... Per rendere effettiva la tua partecipazione al concorso, dovresti inserire qui il banner che ho creato per pubblicizzarlo!!

Saluti abbracciosi!!

Titty ha detto...

Un saluto per dirti che i tuoi commenti mi fanno davvero molto piacere e che mi piacciono i tuoi post anche se non lascio sempre un commento.

Buona prosecuzione del mese di Agosto^^

Leovi ha detto...

Bonitas fotos. Excelentes encuadres. Saludos.

Magia da Inês ha detto...

°º♫
°º✿
º° ✿♥ Olá, amigo!
Lugares como esse apenas tenta sobreviver...
Beijinhos.
Brasil°º♫
°º✿
º° ✿♥ ♫°

Rita B. ha detto...

Ciao Costantino! Ho letto che sei stato qui alle Grazie,io quest'anno non ero a Mantova accipicchia! Magari hai fatto pure le foto! E' una manifestazione molto bella,ho partecipato anch'io due volte insieme ad un amico pittore e piu' che altro ci siamo divertiti! Competere con tanti artisti è davvero un'impresa! Copiano,è vero ,ma copiare un capolavoro è molto difficile!

Che peccato magari ci fossi passata ci saremmo visto,se c'era pure Giada sarebbe stato bello!

Approfitto di questa fontanella,qui c'è un caldo "gajardissimo",il tuo post è come al solito un raccontino che fa rivirere momenti e luoghi! Un bason bozzolese grazie!

Gabry ha detto...

Molto bello il tuo racconto che racchiude bellissimi ricordi di quei luoghi incontaminati. Purtroppo il tempo e l'uomo cambiano le cose... ieri percorrendo la strada per andare al lavoro, ci sono rimasta molto male vedendo che al posto dei campi di ravizzone è nata una rotonda e stanno costruendo un centro commerciale...
Un caro saluto Gabry

Costantino ha detto...

Un ringraziamento per essere passati così numerosi dal mio blog/passatempo,dove parlo,generalmente, di cose minime,volutamente minime,ma che colmano la bisaccia dove sono
custoditi i miei ricordi.

Pupottina ha detto...

ciao
ti lascio un saluto

^___________^

Stefania ha detto...

Grazie Costantino, a presto anche a te!!

tiziano ha detto...

Ciao Costantino!
bello il racconto di questa sorgente che ancora esiste e tiene duro malgrado ci sia chi fa di tutto per distruggere un bene cosi prezioso come l'acqua
buona domenica
Tiziano

Ever4est ha detto...

Ricordo da piccolo quando arrivava Bernardo a vendere il brodo caldo, casa per casa. Avevamo una roggia che correva a fianco casa. Ora la città...
Grazie per avermi ridato fiducia in un mondo sano.

ℬ.