sabato 21 maggio 2011

SORELLA MONTAGNA

"Costa", Padre Costantino, era un frate francescano nativo di Cureggio, ma portato dalla sua attività pastorale, a vivere a lungo a Torino e a Novara.
Nel 1992, quando si accorse che il suo possente fisico non era più in grado di scalare le vette alpine, testimoni del suo grande amore per la montagna,raccolse in un libro i ricordi, le esperienze, le temerarietà della sua attività di alpinista "per passione", e le sue osservazioni, da così in alto, circa la bellezza del creato.
In "Sorella Montagna", ritrovai i racconti che Padre Costantino ci faceva a casa nostra, ogni anno a fine estate, quando veniva a  trovare tutti, ma in particolare mia nonna, la sua zia "Seta",sorella di suo papà.
In queste pagine,per me preziose, ritrovo il racconto delle sue scalate al Monte Rosa, al Monte Bianco, al Cervino, al Bernina, al Ciarforon, a Castore e Polluce, alla Grivola, al Corno Bianco, alle vette più modeste
ma sempre impegnative e suggestive della Valgrande e della Valsesia.
D'estate, negli anni cinquanta, Padre Costantino tenne per molti anni la colonia montana "Frate Sole", a Rimella, in Valsesia,
Qui cercò di trasmettere a molti ragazzi, soprattutto di Torino, il suo amore per i monti, se non altro per le passeggiate in montagna.

L'ultimo capitolo del libro : "I ghiacciai, il senso dell'Eterno", è una bellissima raffigurazione delle sue idee e del paesaggio alpino, e dell'Autore Eterno di tutto questo.


COSTA, "Sorella Montagna", ed.Interlinea,Novara,1992 (collana Gli Aironi).

90 commenti:

zicin ha detto...

Ciao Costantino, credo che ognuno di noi abbia uno zio particolare... mitico... che amiamo in modo particolare e che ammiriamo.
Molto bella questa descrizione.
Complimenti!!!
Felice domenica

Tomaso ha detto...

Bello questo racconto caro Costantino.
lo avevo letto anni or sono in un libro, non ricordo quale fosse, sai che io sono una frana della lettura.
Buona domenica caro amico.
Tomaso

achab ha detto...

Ciao Costantino,bello il tuo poet e stupenda e significativa la storia di questo grande uomo,grazie di averlo presentato a noi.
Buon fine settimana.

Arianna ha detto...

Interessante, anche se non ho mai amato molto la montagna, preferisco mare e campagna! Buona domenica, Arianna

dandelion67 ha detto...

Grazie per la segnalazione Costantino...sembra molto interessante...sereno week end..
Dandelìon

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

Ottima segnalazione Costantino...sempre piacevole conoscere grandi personalità.
buona domenica. ciaooo

Costantino ha detto...

Zicin,Tomaso,Achab,Arianna,Dandelion,Carla,grazie per il vostro passaggio,buona domenica!

Alessandra ha detto...

Lo Zio Costantino deve essere stata una grande persona! Una bella descrizione di un caro ricordo!

Adriano Maini ha detto...

Una vicenda esemplare! E quei monti sono una vera meraviglia della natura.

Rosa ha detto...

ciao grazie per la segnalazione, complimenti allo zio, in ogni famiglia c'e' qualcuno di particolare a cui fare riferimento, ciao buona domenica rosa.)

Costantino ha detto...

Alessandra,Adriano,Rosa,un saluto a Voi ed un
Buona Domenica grande!
(Per l'esattezza Padre Costantino era mio cugino).

chaillrun ha detto...

penso sia una cosa bella, e necessaria, coltivare e far propri i racconti del proprio territorio.
Penso sia doveroso ringraziare subito la propria terra, quando si sente nascere il sentimento di gratitudine verso essa .. non bisogna aspettare.
nel ringraziare si può anche esagerare, a volte è doveroso.
bella l'emozione che hai trasmesso col tuo post.
buona domenica :)

s. oró ha detto...

Un relato precioso y con mucho sentimiento. Debio ser una buena persona y un excelente amador de la montaña. Saludos.

Felinità ha detto...

Interessantissimo, è strano sono stata in montagna solo una volta, e non per scalare,
ma mi h asempre affascinato da Walter Bonatti in là , seguire e leggere dell'avventura di viverla da vicino. Questo testo imperniato di questo e di una ulteriore spiritualità oltre l'essere di per se così vicino al cielo, mi affascina particolarmente. E poi sapere che fa anche parte di un così dolce ricordo di chi lo ama lo rende ancor più prezioso. Un caro saluto

tiziana ha detto...

Ti sentirai orgoglioso di portare il suo nome. Buona serata

dony ha detto...

Sono nata e vivo in una piccola citta' circondata dalle montagne, alcune vette sono piuttosto alte nella loro modestia, se confrontate con quelle che hai citato in questo post...
Penso che non le baratterei mai trasferendomi in altri luoghi, neppure quelli che ho molto amato nel corso di parecchi viaggi...
Il libro di questo tuo frate parente è un ottimo suggerimento letterario, amo leggere i racconti di vita vera vissuta, oltre che scriverli!
Buon inizio settimana a te!
Dony

MariCrea ha detto...

Grazie Costantino...buona serata
Mari

Costantino ha detto...

Grazie a tutti Voi per i vostri preziosi e graditi commenti,ed un augurio di buona settimana!

Lina-solopoesie ha detto...

Costantino ciao.
Non ho avuto il piacere di leggere il libro .L'ultimo capitolo del libro : "I ghiacciai, il senso .....dell'Eterno .
Mi sono sempre fatto questa domanda...E molte volte arrivo a un punto in cui la mia mente prova una sensazione di paura immensa.Certe volte non riesco ad immaginarmi che un giorno non esisterò più.. c'è il senso di eternità in me.. anche da bambina mi piaceva credere che non esistesse la morte.. pensavo che c'era l'eternità terrena. E poi come posso finire una volta che esisto?questo mi chiedee frà me e me ! E soprattutto che senso ha la mia vita se fossi solo materia corruttibile?Questo è la mia opinione e il mio modo di sentire personale. La mia mente è 'limitata', non comprende il concetto di infinito così come il concetto del nulla, quindi la mia reazione spesso è di angoscia.Non voglio pensarci...
CIAO E BUON INIZIO DI SETTIMANA LINA

il monticiano ha detto...

Da quello che si legge in questo post tuo cugino "Costa" oltre ad essere un Frate in possesso di doti eccezionali, aveva una vera passione per la montagna in genere e grazie anche alle sue doti fisiche ha potuto soddisfarla.

Sara ha detto...

E'una fortuna incontrare persone che sanno mediare agli altri la loro passione.
Mi hai fatto venire in mente quando ero ragazzina e la scuola delle medi d'estate organizzava un campeggio in montagna, facendoci vivere un'esperienza che altrimenti alla maggior parte di noi sarebbe stata preclusa.
Sara

riri ha detto...

Grande testimonianza di amore per la montagna, anche il ns. parroco,ora in pensione, essendo un torinese, faceva campi di gioco e lezioni di vita ai giovani,tra cui miei figlio ed i suoi amici...
Buon inizio settimana, sarebbe da leggere, ma ho troppo da fare e troppi libri in arretrato:-)

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Grazie per aver condiviso con noi.Saluti a presto

"Italian Girlfriend" ha detto...

Grazie per essere passato da me!
Ero capitata sul tuo blog per caso qualche giorno fa e trovandolo interessante, avevo deciso di seguirlo, senza lasciare commenti.
E' stata davvero una bella sorpresa trovare i tuoi commenti :) Grazie e torna a trovarmi quando vuoi!

Carol(Italian Girlfriend)

Pupottina ha detto...

l'amore per la montagna è una passione che è giusto raccogliere in un insieme di racconti ... i ricordi di chiunque sono qualcosa di talmente importante che è bello trovare il modo di non perdere... soprattutto se la persona è stata importante per noi
buon lunedì ^__________^

TuristadiMestiere ha detto...

devono essere pagine ricche di bellezza. Anche a me spesso succede di attribuire ad alcuni panorami un "senso dell'Eterno".

Leovi ha detto...

Muy interesante, la naturaleza y nuestra relación con ella genera grandes experiencias. Saludos.

Leovi ha detto...

Excellent photo. I love the texture and beautiful tones. Very nice and exotic flower.

Costantino ha detto...

Grazie a tutti gli amici e amiche che hanno lasciato i loro commenti,molto interessanti e
molto graditi.

♥♥♥ Maddy ♥♥♥ ha detto...

Hai fatto di quest'uomo un ritratto superlativo...e della medesima superlatività devono esser pregne le pagine del suo scritto (x la cui segnalazione ti ringrazio) ...

Un abbraccio*

Maddy

Michele ha detto...

ciao Costantino , e' proprio vero nella vita a volte si ha che con grandi uomini che non se la 'tirano' semplici eppure ti lasciano un segno indelebile, altri parlano, parlano ma scorrono via col loro 'niente'
Buona giornata Michele pianetatempolibero

cristina ha detto...

Ciao Costantino...le montagne mi ricordano molto la mia infanzia!
Mio papà è da sempre un appassionato di montagne e anche lui ha scritto dei racconti che si è autopubblicato!
Certe scalate sono difficili da dimenticare per le intense emozioni che suscitano!

La lanterna dei sogni ha detto...

Sono sempre molto suggestivi i "racconti della montagna"
Saluti!!

Gianna ha detto...

Interessantissimo post, ma io amo il mare, Costantino!

Costantino ha detto...

Alti bellissimi commenti dei quali vi ringrazio di cuore.

Ninfa ha detto...

Grazie Costantino per averci presentato questo libro ed il suo autore, una persona a te vicina. Deve essere stato emozionante ascoltare i suoi racconti dal vivo, perchè l'amore per la montagna è un sentimento che comprendo bene pur non scalando le vette...Lassù ci si sente davvero a contatto con l'infinito. Ciao!

tiziana ha detto...

mi hai fatto ricordare le montagne che frequenavo da ragazza
ora sono tutta ''marittima''
abbraccione

Ambra ha detto...

La montagna è raccoglimento, profondità, senso dell'eterno e dell'infinito, mentre il mare disperde le emozioni e non le elabora.

Sandra M. ha detto...

Scusami se ti uso come "ultima cavia" prima di andare a dormire...cerco di capire se funziona usando un altro browser

Maraptica ha detto...

La terra madre che ci nutre, che ci dà vita... e noi ancora non lo capiamo! Bellissimo post :)

✿ Elena ✿ ha detto...

Mi piacciono i libri che raccontano storie e sensazioni vissute. Quando ero più piccola andavo spesso in montagna a scalare qualche vetta e sono ricordi per me bellissimi!
Baci baci

MALU' ha detto...

Carissimo,aloha!!

Sono molto contenta che tu venga spesso a trovarmi, ma debbo deluderti, le immagini che posto in quel blog sono quasi tutte tratte da web o da riviste... quel che io creo( diciamo così) si trova qui
http://langolodmal2.blogspot.com/
Ti aspetto!!!

A presto!!

Costantino ha detto...

Ninfa,,Tiziana,Ambra,Sandra,Maraptica,Elena,Malù,un saluto a tutti in questa serata temporalesca!
Cos

Sandra M. ha detto...

Eccomi tornata qui.
Pensavo, leggedo il tuo scritto, che ti chiami Come lui e non credo sia un caso, sbaglio?.
Amo le sensazioni che la montagna mi rimanda al termine di un cammino faticoso, quell'emozione di arrivare a vedere oltre per poi accorgersi che c'è sempre un altro "oltre".
Felice notte.
Sandra

Costantino ha detto...

Sandra, nella mia famiglia i Costantini hanno sempre abbondato. Poi è arrivata Giada...
Anch'io amo la montagna e, quando ero ragazzo,ho accompagnato Padre Costantino verso alcune vette
non molto alte ma molto belle della Valsesia.
Buona notte.

Nicolanondoc ha detto...

Amo la montagna ed il tuo racconto mi fa rivivere emozioni sopite. Hai scritto un post interessante e piacevole, grazie dei tuoi graditi passaggi. Buon fine settimana.

Liza ha detto...

Sono certa che questo libro sia molto emozionante !Ti lascio un augurio di passare un buon WE ! Grazie per la visita,Liza.

taio ha detto...

v nice post

Lady Boheme ha detto...

Complimenti per il tuo emozionante racconto!!! Ti auguro buon fine settimana, un abbraccio

Victoria ha detto...

Hola Costantino! Una bonita historia hay que acercar a los niños a la naruraleza y pasear por la montaña disfrutando de la sensacines y las panoramicas que nos regalan. Seguro que es un libro muy interesante. Un abrazo.

Costantino ha detto...

Agli amici Nicolandoc,Liza,Taio,Lady Boheme,Victoria un ringraziamento ed un "a presto"!

bilibina ha detto...

Ciao Costantino, grazie per la segnalazione di questo libro, penso che piacerebbe molto a mio marito appassionato di montagna! A presto, buona serata
Carmen

Marianna ha detto...

Grazie per il tuo passaggio .
Sai non pensavo che fosse un racconto il mio , ma in realtà lo è. il mio ragazzo è appassionato di montagna prima faceva giuro non so se si dice così le arrampicate in alto ,ora non più ... gli consiglierò questo libro almeno mi sta buono e sogna la montagna ....ciaooooooooo Marianna

Antonella ha detto...

La montagna è meravigliosa! In questi ultimi tempi la riscopro e ricordo le mia passeggiate da bambina con la mia zia del cuore.
Volentieri mi trasferirei in montagna perchè lì mi sento bene... lì c'è è la pace che distende i nostri cuori ed il silenzio che alimenta la nostra mente!!
Ciaoooo!!!

MariCrea ha detto...

Grazie Costantino
Mari

Costantino ha detto...

Bilibina,Marianna (benvenuta),Antonella,Mari,
il vostro passaggio è stato graditissimo,evviva la montagna!

I am ha detto...

Sorella montagna deve raccontare cose straordinarie. La Natura è il vero grande insegnante...
Grazie per essere passato da me

asdasandonato ha detto...

Se da giovane amavo di più il mare, ora nella maturità preferisco la montagna .... è varia, maestosa, e quando arrivi in vetta non puoi che pensare alla grandezza del creatore di fronte allo spettacolo che ti si apre davanti. Se vai a visionare il blog ASDA, abbiamo pubblicato una bella poesia e due dipinti di una nostra socia. Nel mio blog personale invece niente di nuovo (sto battendo la fiacca).
Ciaooooooooooooooooo
Nadia (segretaria ASDA)

Anonimo ha detto...

Caro Costantino
Intanto grazie per i tuoi passaggi da me, mi fanno sempre tanto piacere.
Io ho un caro amico che si chiama Costantino e di solito lo chiamiamo Costo, ogni tanto però usiamo anche "Costa"... mi è piaciuto ritrovare qui questa analogia...
Il libro che presenti mi ha incuriosito molto e vorrei proprio leggerlo. Adoro la montagna (anche se non sono così esperta) e soprattutto la Natura. E mi piace anche leggere della vita di altre persone, di altri tempi.
Il Monte Rosa poi, mi "accompagna" da molti anni, è dal 1989 che, pur cambiando casa, l'ho davanti ogni giorno. Non ci sono mai stata però, forse quest'anno potrebbe essere il momento giusto...
Saluti cari
Cinzia

Costantino ha detto...

I Am,benvenuta:la natura è davvero il grande palcoscenico della vita.

Nadia,concordo sulla maestà della montagna.

Cinzia,anch'io vedo tutti i giorni di sereno
lo spettacolare Monte Rosa.

giacy.nta ha detto...

Grazie per questa fresca boccata d'aria...
Buona giornata!

Sciarada ha detto...

Ciao Costantino piacere di conoscerti, credo che leggere le parole scritte, ascoltate già dalla viva voce di chi le ha scritte, deve essere una grande emozione che attraversa i ricordi!

P.S. non ho voluto ignorare il tuo gradito commento sul mio blog, ma la connessione internet mi sta facendo impazzire in questi giorni, pensa che per fare un commento, quando riesco a farlo impiego dai 10 ai 15 minuti, comunque ti ringrazio anche se con clamoroso ritardo

Krilù ha detto...

Chi mi conosce, sia nella vita reale che nel Web, ormai sa, per avermelo sentito dire fino allo sfinimento (non mio ma loro) che una delle mie passioni più intense è la montagna, che amo in tutte le sue espressioni e in tutte le stagioni.
Circondata per anni da appassionati alpinisti (fra cui mia figlia) era poi inevitabile che mi appassionassi anche all'argomento "scalate" per cui sono molto attratta da questo genere di letteratura. Puoi quindi immaginare la curiosità che mi ispira questo libro che hai segnalato e che cercherò.

Costantino ha detto...

Un saluto ed un buon 2 giugna a Gia.cynta.

Sciarada,effettivamente la lettura del libro mi
ha suscitato ricordi molto vivi.
(Blogger ci ha creato problemi,speriamo in via di rioluzione).

Krilu,condivido l'amore per la montagna.
Quand'ero meno "attempato", ll mio orgoglio
era raggiungere le località montane in bicicletta
(con qualche tratto a piedi), ora,più modestamente,le "scopro" con le gite organizzate.
L'entusiasmo è però lo stesso, e l'anno scorso
sono rimasto d'incanto ad ammirare il panorama di Livigno.

Saluti a tutti,Costantino

Paola ha detto...

La descrizione che fai denota il tuo amore per questo zio particolare: penso sia interessante il suo libro. Io amo la montagna, ma solo quando non c'è la neve...mentre penso che la montagna vada amata in ohgni suo apparire.. Ti lascio un caro saluto

Gabriella ha detto...

E' ammirevole la grande passione dell'uomo per la montagna così bella e maestosa che fa superare la paura dei pericoli che nasconde.

Buon fine settimana.

Gabriella

RobbyRoby ha detto...

interessante.
Io amo molto la montagna.

Costantino ha detto...

Paola,anch'io amo la montagna quando non c'è la neve, perchè anche chi non sa sciare può goderne
il panorama e le passeggiate.

Gabriella,bellissimo concetto, amore per la montagna che fa superare anche i pericoli che nasconde.

Robby Roby,grazie per questo attestato d'amore per i monti.Ciao, buon week end.

Malù ha detto...

Aloha, Cistantino!!

Purtroppo per un pasticcio che ho combinato con la mia mail, sono stati chiusi i miei blog

http://langolodimal.blogspot.com/
http://langolodmal2.blogspot.com/

che però rimangono sempre consultabili…perciò ne ho aperti altri 2

http://langolodimal3.blogspot.com/
http://langolodimal4.blogspot.com/


nei quali continuerò il lavoro iniziato!!

Sarei molto felice se tu volessi continuare a visitarmi e lasciassi i tuoi commenti…

A presto!!!

Malù

Savia ha detto...

Vivir la naturaleza es lo mejor, de la vida. Un saludo.

Marianna ha detto...

COSTANT. ora saluto solo te e vado a nanna e ,chiudo il blogghetto per 3 giorni ho il fidanzato a casa ciaooooooooooooooo

clau ha detto...

Mi piacciono le storie emozionanti come queste , che insegnano e fanno riflettere . Ti ringrazio per la segnalazione Costantino , per il magnifico lavoro che svolgi qui sul blog e per la tua gentilezza .
A presto!

I am ha detto...

Ciao Costantino, penso sia un bellissimo libro da leggere e magari vivere la montagna come una metafora della Vita.
Buona serata

Lara ha detto...

Anch'io ti ringrazio per la segnalazione e questo bel post.
L'avevo già letto giorni fa, e ora ero venuta qui per sapere come mai non scrivevi più.
Ci credo, hai ancora commenti in corso :)))
Bravo, mi fa piacere.
Ciao,
Lara

Costantino ha detto...

Malù,Savia,Marianna,Clau,I Am,Lara,buona settimana a tutte voi!grazie per il Vostro passaggio!

Costantino ha detto...

Post scriptum : grazie per i complimenti!
Questo è per me un blog passatempo, ed è grazie all'aiuto prezioso di Giada se ne esce qualcosa di buono.

Gina ha detto...

Ciao Costantino, volevo ringraziarti per avermi aiutata a risolvere il problema che avevo col blog;in effetti togliendo la spunta ho risolto.
Grazie di cuore.
Questo post è bellissimo,io adoro molto di più la montagna che il mare,mi ricorda la mia infanzia.
Buona settimana

Erika ha detto...

Sono nata in un paese di mare ma mi piace anche la montagna, sia d'inverno che d'estate.
E' bello camminare in mezzo ai boschi, respirare l'aria pura , sentire tanta pace intorno a sè, avere la possibilità di meditare e di sentirsi più vicini a Dio.
Buona nuova settimana.

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

Grazie Costantino per condividere con noi questi ricordi, le persone speciali ci lasciano sempre una impronta nel cuore. Ti auguro una settimana meravigliosa!

Carmine Volpe ha detto...

nelle avventure di montagna mi ci ritrovo proprio, grazie del cosiglio e della lettura

pips ha detto...

bello questo post,così come il racconto!

Costantino ha detto...

Un grazie a Gina,Erika,Mirta,Carmine,un benvenuto
a Pips

nonnAnna ha detto...

Grazie per questo bellissimo post da cui traspare tutta la grande ammirazione che hai per questo tuo straordinario "Padre Costa".
Grazie per i gentili commenti che lasci ai miei post... hai perfettamente ragione l'arrivo della TV ci sta privando di molti momenti che dedichevamo invece a chiaccherare amene fra di noi...
Tante serene giornate
nonnAnna

Francesca ha detto...

Un bel racconto...
Cari saluti.

Anonimo ha detto...

Deve essere stato un grande uomo.
Nelle montagne ha fatto la vera conoscenza di Dio.
Bella "I ghiacciai, il senso dell'Eterno".
Alcuni giorni fa ho visto un documentario su un frate che ha abitato per 2/3 della sua vita sui monti Sibillini.
Davvero affascinante.
Leggerò "Sorella Montagna".

ASTRONAUTAPERDUTO.

Costantino ha detto...

NonnAnna,grazie a te per i tuoi commenti e le tue bellissime favole.

Francesca,ciao, a presto.

Astronauta Perduto,un grande uomo,almeno per noi che lo conoscevamo.
Anche a me ha colpito il capitolo "I ghiacciai,il senso dell'Eterno".

Baol ha detto...

Bisognerebbe davvero avere un amore viscerale per questa madre terra che ci accoglie

Stefania ha detto...

Ciao Costantino, anche se il tempo è brutto, incrocerò le dita per te ed ancora Buon fine settimana"!!

Anonimo ha detto...

Ciao Costantino. Anch'io ho una preferenza per Gertrude Jekyll. Come ho scritto da Erborista, è una rosa quasi perfetta!
a presto
Cinzia

Rita B. ha detto...

Mi ero persa questo post a causa delle mie "pseudo-ferie-concettuali":)))Recupero!
I tuoi post sono veri e propri racconti di vita vissuta! Da piccola per un lunghi periodi abitavo in montagna e conservo un ricordo molto bello legato ad anni bellissimi!Ricordo fra l'altro che mio padre,che era pero' un marinaio,mi fece conoscere i canti della montagna e i cori degli alpini,il mio juke box bozzolese scommetto che da qualche parte li conserva!:))Grazie per la segnalazione! Bacioni !Buona Domenica!