venerdì 16 dicembre 2016

Il Natale di nonno Pietro


 Questo post partecipa al "Calendario dell'Avvento" di Sciarada, del blog Anima Mundi



Abitavo in quella casa in mezzo al prato, dove già a gennaio spuntavano i bucaneve sulla riva della roggia, e poi, a febbraio, apparivano, timidi e gialli, i fiorellini del corniolo. C'erano fiori tutto l'anno, fino a dicembre quando avvizzivano le ultime rose.


Mio nonno Pietro era tornato a casa proprio alla vigilia di Natale del 1957, dopo mesi di  "corsia" in ospedale, per una malattia che non si sapeva bene, forse, quale fosse.
La mattina della Festa si era alzato presto, malfermo ma sorridente, per godersi un'ultima volta quella ricorrenza speciale.
Alla sera, prima di andare a dormire, fece staccare dalla parete una piccola scultura in legno che raffigurava san Pietro, e la consegnò a mio papà Gaudenzio.


L'otto di gennaio, rimasi a casa da scuola e mi avviai verso un vicino, il Luisin, che era costretto dalla malattia tutto il giorno su una sedia.
Da lì vidi passare il carucion nero, che portava mio nonno verso l'Eterno. La nevicata era fitta e incessante, ma molta gente seguiva in processione.
Siccome a casa non era rimasto nessuno, il postino Natalin, consegnò a me una lettera raccomandata per mio nonno. Venne aperta nel pomeriggio: era la conferma, con un piccolo ritardo di dieci anni, che la domanda di pensione di nonno Pietro era stata accolta.
C'era anche un post scriptum: se il domicilio fosse nel frattempo cambiato, occorreva inviare il nuovo certificato di residenza.
Non mi persi d'animo ed imbucai subito una letterina diretta a Gesù Bambino, lassù, che provvedesse lui , per competenza territoriale, al rilascio ed all'inoltro. Perché non mancasse a mio nonno qualche soldino per la scigala, il quartino di vino ed un tabarro caldo per i rigori dell'inverno.



Nel novecentosettantanove, prima che mi sposassi, mio padre donò a me il "San Pietro", che custodisco tuttora. E che sarà un giorno di Giada, poi di Ale, e poi chissà... 


dedicato ad Ambra ed Alessandro

La prossima finestra del Calendario dell'Avvento si aprirà sul blog  Me & Loro di Lorenza

52 commenti:

Arwen Elfa ha detto...

L'aiuto di un Santo può sempre servire nella vita .......
Specie quando la vita si fà dura ;-)
Bel racconto Costantino - un abbraccio un saluto buona continuazione di settimana ma migliore fine settimana in arrivo

Sciarada ha detto...

Quanta dolcezza nella tua lettera a Gesù Bambino per la pensione del nonno; eri un grande fin da allora !
In famiglia avete tutti dei nomi bellissimi, un abbraccio a te e a Giada !

Carla, i colori...pensieri della mia mente. ha detto...

Bellissimo Costantino....un ricordo che fa riflettere. ciaooo e tantissimi auguriiiii

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un bel racconto!
Serena giornata.

Patricia Moll ha detto...

Racconto stupendo,pieno di amore. E che tenerezza la dolce ingenuità della bimba che scrive a Gesù Bambino 😚

Elettra ha detto...

San Pietro di padre in figlio con tanto amore. Bello, bello!!!
Buon Natale!!!

Graziana ha detto...

Racconto natalizio di affetti profondi: di continuità e di sintonia. Letto e gustato ripetutamente. Grazie

Negus Reale ha detto...

Fortunato nonno Pietro con un nipote tanto attento e premuroso e generoso con noi per la condivisione di questo spaccato di vita.

Pia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Come sempre,bei racconti di vita,vera.Una scultura che passa da padre in figlio,una continuità di ricordi e affetti.Buon Avvento,Costantino.

Antonella S. ha detto...

Bellissimo ricordo d'infanzia...a volte la vita racconta meravigliose favole, questa è una di quelle.
Antonella

Pia ha detto...

Ma che meraviglia Costantino...
Mi ha particolarmente colpito la foto della casa...i tuoi ricordi sono racchiusi tutti lì.
Grazie di avercene fatto partecipe.
Buona serata e buon Avvento, ciao!

Elio ha detto...

Bel post Costantino. Sto preparando anch'io un racconto o fiaba (non lo so) per il 24 quando saràil mio tutrno. Alla prossima e buone feste di fine ed inizio anno.

A Casa Madeira ha detto...

Olá Constantino, passando para te desejar um belo natal
e uma boa entrada de ano.
Abraços.

Magia da Inês ha detto...

☆ه° ·.
Uma história bonita, uma bela lembrança que sempre estará na família.

Que o menino luz de Belém esteja em nossos corações, não só no Natal, mas em toda nossa vida!

Bom fim de semana!
Beijinhos.

✧°ه.‿⎠

Sara ha detto...

Dolcissima storia!e una splendida eredità. Io adesso abito nella casa dei miei nonni!

Audrey L'atelier du Fantastique ha detto...

un ricordo stupendo. Queste sono cose bellissime che vanno tramandate con amore e custodite con il doppio dell'amore.
Buona serata

Costantino ha detto...

Grazie per la Vostra visita ed i Vostri bellissimi commenti, buona settimana !

edvige ha detto...

Un ricordo buona settimana.

Tiziano ha detto...

Il mio regalo.
Per riscaldare questa gelida atmosfera, non ti regalo futili cose e sfavillanti regali, ma una scatola di pace, piena di gioia, avvolta con amore, firmata con un sorriso e inviata con un bacio. Buon Natale!
Da Tiziano

Tiziano ha detto...

Il mio regalo.
Per riscaldare questa gelida atmosfera, non ti regalo futili cose e sfavillanti regali, ma una scatola di pace, piena di gioia, avvolta con amore, firmata con un sorriso e inviata con un bacio. Buon Natale!
Da Tiziano

Arwen Elfa ha detto...

Ciao Costantino buon pomeriggio e migliori festività Natalizie
Sereno e Felice Natale per te e famiglia ........

Marina Fligueira ha detto...

Hola Constantino!!!

Paso a dejarte un abrazo con mis mejores deseos de felicidad en estas fiestas navideñas y año nuevo que te acompañe la paz la salud, y alergia en compañía de tu familia y amigos.

Pero no solo estos días, sino todos los días de tu vida.

Te dejo mi gratitud e inmensa estima.

Muchas felicidades al mundo entero a este planeta tan revuelto, de guerras y muertes. Parece que el mundo se vuelve loco sin remedio.


Sciarada ha detto...

Buon pomeriggio Costantino, nel mio blog ti ho invitato a un meme natalizio, vedi tu se può interessarti, senza impegno ovviamente.
Auguro a te, a Giada ad Ale e all'intera famiglia un felice Natale, il mio abbraccio per voi !

Titti ha detto...

Che storia commovente come sempre.

Tanti auguri di Buon Natale a te e famiglia.

Stefyp. ha detto...

Un bel racconto e un ricordo stupendo!! Ti lascio i miei Auguri per un sereno Natale a te e ai tuoi cari.
Ciao Stefania

Franziska ha detto...

Es el momento de llegar hasta aquí para decirte que te deseo unas felicisímas fiestas de Navidad y que el próximo año 2017 haga, por fin, realidad tus mejores deseos.

Un fuerte abrazo desde Alcalá de Henares. Franziska

Mª Carmen ha detto...

Feliceas fiestas. Un abrazo.

Giancarlo ha detto...

Un felice Natale a te e famiglia.

Stefania.Sweets ha detto...

Caro Costantino,
ormai a causa della mancanza di PC, ti seguo quasi più da Facebbok con il cellulare che sul blog, ma nulla poteva impedirmi di AUGURARTI DI CUORE BUONE FESTE E FELICE NATALE ...le tue parole su questo post sono come i bellissimi quadri che posti su Fb ... toccanti e pieni di animo e poesia! AUGURI, con simpatia Stefania

Nella Crosiglia ha detto...

Un racconto meraviglioso dove l'innocenza di un bimbo rende enorme la ragione degli adulti...
Grazie Costantino...

Rakel ha detto...

Buone feste Rachele

Sari ha detto...

Buon Natale Costantino, auguri per tanta serenità e pace.
Buone feste.

carmen ha detto...

Ciao Costantino, grazie per questo bellissimo e commovente racconto!
Sereno Natale
Carmen

Costantino ha detto...

Graie a Voi che siete passate/i di qui, un grande augurio di Buon Natale!

EriKa Napoletano ha detto...

Buon Natale a te e Giada!!!

ANNA ha detto...

Felices fiestas
Gracias por tus visitas en mi blog es mucho de agradecer.
Besos

Francesca ha detto...

Auguroni di buon natale ...un abbraccio!

Pietro Brosio ha detto...

Buone Feste!

Saray ha detto...

Che tenero racconto. Grazie. Buon Natale Costantino! ^_^

Elio ha detto...

Ciao Costantino, sono appena passato da Giada e noto che i premi, ben meritati, piovono uno dopo l'altro. Spero comunque che il "San Pietro" gli arrivi tra molto tempo perché, se ho capito bene, si tramanda di generazione in generazione. Auguri di buona fine d'anno e di buon inizio. Ci riscriviamo l'anno prossimo.

Kasioles ha detto...

Vengo a agradecer tus letras.
En estas fechas, sobre todo, hace mucha ilusión el comprobar que, amigos del blog, se acuerdan de Kasioles.
Yo también quiero desearte un FELIZ AÑO NUEVO en compañía de tu familia.
Que la paz, la ilusión y la felicidad, reinen en tu hogar cada día de este año que está próximo a comenzar.
Cariños.
kasioles

Beatris ha detto...

Un tenero racconto di vita vissuta che mi ha profondamente commossa!
Un abbraccio e buona giornata da Beatris
Serene festività!

Costantino ha detto...

Anche quest'anno è passato, ed è giunto il momento degli auguri che, con affetto e simpatia, rivolgo a tutte/i Voi che passate di qui : Buon Anno !!!

Paola ha detto...

Che racconto tenero e soprattutto la tradizione di tramandare di padre in figlio di una scultura ricca di affetti.
Ciao caro Costantino auguro a te e famiglia uno strepitoso anno 2017. :)

RobbyRoby ha detto...

buon anno

Sciarada ha detto...

Ciao Costantino, felice 2017 a tutti voi !

Linasolopoesie ha detto...

Ciao Costantino grazie . Auguro anche a te un felice anno a te e famiglia . Lina

Giancarlo ha detto...

Ad ogni fine segue sempre un nuovo inizio. Ti auguro di mantenere forte ed incrollabile quella determinazione che permette di percorrere la strada del successo. Auguri di buon 2017.

nonno enio ha detto...

un racconto delicato di una situazione triste: un funerale di una persona cara

EriKa Napoletano ha detto...

Sereno Anno Nuovo!

Giancarlo ha detto...

Molto belli.
Buona serata